STOP AL TEST! Favorevole o contrario?

by Vincenzo Palmisano / 14 Aprile 2014 / No Comments

Si chiama “#Stopaltest: io ci metto la faccia” la campagna che sta spopolando sul web contro i test di ammissione alle facoltà a numero chiuso.

Il test di medicina si è tenuto l’otto aprile, ma è già accompagnato da polemiche e forti sospetti di irregolarità. Plichi manomessi, posti che sembravano pre-assegnati e addirittura studenti costretti a sostenere la prova senza banchi, con il solo ausilio di una sedia: queste sono solo alcune delle segnalazioni che hanno acceso nuovamente la polemica sul test di sbarramento.

Il numero chiuso viola il diritto allo studio?

Secondo la Corte Europea, no: la nostra Costituzione sostiene che “I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi”.

Il test appare così un possibile metodo per selezionare i capaci e i meritevoli.
Ma per molti il sistema italiano non è efficiente: sempre più pressanti sono le richieste per adottare quello francese, che impone il superamento di tutti gli esami del primo anno accademico per poter proseguire gli studi. In questo modo si ritiene che sia valutato l’effettivo impegno degli studenti.

 

In attesa che il test sia abolito o quantomeno riformato, una resta la domanda: come superarlo?

Su questo coloro che l’hanno sostenuto sono concordi: occorre senza dubbio una buona preparazione, ma anche tanta motivazione, concentrazione e gestione dello stress. L’ansia è considerata la bestia nera di ogni esaminando: si stima che possa far perdere fino al 30% di una performance.
Pensate a quanto può influire su un test in cui anche un quarto di punto può essere determinante…

Quest’anno poi la prova si è svolta nel pieno del periodo scolastico, tra i compiti in classe e la preparazione per l’esame di maturità: una difficoltà in più, perché gli studenti hanno avuto meno tempo a disposizione per studiare.

Ma anche così ce la si può fare: di certo con gli strumenti giusti è più facile!
Per superare il famigerato test abbiamo già di natura delle potentissime risorse. Qualche esempio? Le capacità di rilassamento e concentrazione, nonché una memoria perfetta: utilizzandole al meglio possiamo studiare in modo rapido ed efficace, ricordare le informazioni nel lungo termine e contare su una preparazione vincente.
Se vuoi davvero sfruttare al 100% queste tue potenzialità non ti resta che prenotare un posto per la prima lezione gratuita sulle tecniche di apprendimento rapido.

Nel prossimo articolo parleremo di come possiamo conoscere i nostri pensieri e scopriremo insieme se è possibile cambiarli. I pensieri possono infatti essere determinanti nel raggiungimento di un obiettivo: che si parli di test, di esami o di tutte le piccole e grandi prove della vita, questa frase di Tsunetomo dice una grande verità…

“Quando si è determinati, l’impossibile non esiste: allora si possono muovere cielo e terra. Muovere cielo e terra senza sforzo è una semplice questione di concentrazione.”