I VERI GENI FANNO LA PENNICHELLA

by Vincenzo Palmisano / 31 Ottobre 2014 / No Comments

Mentre dormiamo nel nostro cervello… si fanno le pulizie. Grazie ad una speciale sostanza detta liquor i tessuti cerebrali vengono “lavati” e privati dalle proteine tossiche che poi il fegato provvede a smaltire insieme alle altre scorie.

Tutti i sottoprodotti della nostra attività neuronale sono in altre parole considerati come scarti, e dunque gli “spazzini” del cervello provvedono ad eliminarli sistematicamente. Questo processo è importantissimo per la nostra salute, poiché è proprio l’accumulo di una proteina detta beta amiloide a determinare l’insorgenza del morbo di Alzheimer.

Quando dormiamo riorganizziamo e consolidiamo i ricordi che abbiamo immagazzinato da svegli, attività che si svolgono durante il sonno proprio perché richiedono molte energie: “Non puoi intrattenere gli ospiti e pulire casa contemporaneamente” ha spiegato Maiken Nedergaard, la dottoressa e professoressa dell’Università di Rochester che ha scoperto questo sistema di lavaggio dei tessuti cerebrali.

Ma quante ore è necessario dormire per far svegliarsi freschi e riposati? Sono numerose le ricerche che hanno contribuito a dare una risposta a questa diffusissima domanda: secondo alcuni studi è necessario dormire almeno 8 ore a notte, altri orientamenti sostengono che il numero cambia da soggetto a soggetto; altre ricerche dimostrano che dormire per un numero di ore che sia multiplo di un’ora e mezza (come quattro e mezzo, sei o sette e mezzo) garantisca ottimi risultati poiché rispetta le durate delle diversi fasi del sonno.

E la pennichella? Per molte persone rappresenta un vero e proprio rito quotidiano, senza il quale non si riesce a rendere abbastanza. Studi di peak performance condotti dalla Nasa, che ha preso ad esempio alcune menti geniali come Leonardo da Vinci, ne hanno dimostrato i vantaggi : la pennichella è un toccasana per il corpo, se fatta dopo pranzo facilita la digestione e la capacità di attenzione può aumentare addirittura del 54%. Ma badate bene: la fase REM è assolutamente vietata, poiché una dormita che ecceda di 25-30 minuti può rendere facilmente irritabili e far diminuire di parecchio il proprio rendimento.

Qual è dunque la dormita ideale per ripulirci al meglio? Senza frammentazioni e con un occhio all’orologio!